La formazione in mobilitá vista dai docenti

La formazione in mobilitá vista dai docenti

News Visite: 792

Cosa spinge dei docenti a viaggiare e mettersi in gioco in tempo di Corona Virus?

La risposta è solo una: l'amore per i propri discenti e per un lavoro in continua evoluzione.

Siamo volati a Palma di Maiorca, grazie al progetto promosso da Education InProgress, con il desiderio di ampliare le nostre conoscenze e apprendere nuove tecniche da applicare in ambito educativo.

Dopo una grande attesa, è arrivato il 19 luglio e già in aeroporto, nonostante le mascherine e il distanziamento sociale, ci siamo sentiti subito parte di questa splendida esperienza.

Abbiamo alloggiato per due settimane in una bellissima villa a Llubí, un paesino distante circa 40 km da Palma, che sin dal primo giorno è diventato luogo di condivisione e allegria. Il luogo ideale per sentirsi al sicuro da possibili contagi, cosí come il luogo perfetto per assaporare da vicino lo stile di vita maiorchino.

La prima settimana abbiamo partecipato al corso di spagnolo tenuto da professori della scuola ELE USUAL Mallorca, e siamo stati suddivisi per classi a seconda del livello di conoscenza della lingua.

In aggiunta ai contenuti relativi all’accoglienza dei migranti, il corso ha dato la possibilità a chi partiva da un livello base di acquisire conoscenze tali da poter interagire con la gente del luogo, e a chi già possedeva una buona abilità linguistica di consolidare e approfondire le proprie competenze.

La seconda settimana, insieme al corso di Europrogettazione, abbiamo seguito anche il corso di Mindfulness. Eravamo molto curiosi di apprendere questa pratica di meditazione per noi assolutamente nuova, a cui ci siamo appassionati sin dalla prima lezione.

Abbiamo iniziato a vivere ogni momento «aquí y ahora» ed è stata una vera scoperta: proprio come i bambini abbiamo imparato a sorprenderci della realtà che ci circonda senza pregiudizi.

Le tecniche acquisite si prestano ad essere utilizzate - all’interno del gruppo classe - per la gestione dell’ansia e dello stress e per lo sviluppo di una maggiore consapevolezza delle proprie emozioni.

Sono stati giorni di grande impegno e arricchimento culturale, grazie anche alle attività ricreative a Palma, Alcudia e Llubí (Ermita del Sant Crist, Talaiot Racons). Non sono mancati momenti di relax presso le bellissime spiagge maiorchine come Formentor, Es Trenc, Cala Agulla e Palma. Sono stati momenti di piena gratitudine verso un'esperienza così ricca di emozioni.

L'organizzazione è stata impeccabile, Karin Callipo è una project manager professionale e appassionata del suo lavoro: non potevamo chiedere di meglio!

Porteremo questa esperienza nel cuore perché il progetto “Empowering Adult Education” non è servito esclusivamente ad acquisire o potenziare delle conoscenze, ma ha rappresentato l’opportunità per sviluppare empatia, capacità di condivisione e accoglienza verso persone con esigenze e sensibilità diverse.

Auguriamo a tutti i lettori di poter sperimentare momenti così belli perché, nonostante tutto, la vita resta sempre un'avventura straordinaria!

Un abrazo a todo el mundo,

Angela, Doriana, Laura, Sandro, Stefania e Valentina.

Stampa